Silent book

“La fiaba rappresenta un momento pedagogico importante, perché fa riemergere il mondo interiore del bambino e lo aiuta a trovare un significato alla vita” B. Bettelheim

“Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti” Gilbert Keith Chersterton

“La fiaba riesce a realizzare massimi risultati servendosi di pochissimi mezzi” I. Calvino

 

Questa settimana vi parlerò dei silent book, la prossima dei kamishibai.

 

I silent book sono conosciuti in tedesco come Wimmelbucher ossia libri brulicanti.

Le loro caratteristiche:

  • Consigliati ai partire dai ¾ anni
  • Affidano l’espressività esclusivamente alle immagini
  • Non c’è presenza di un testo scritto
  • Si basano sulla nostra capacità di raccontare e immaginare
  • I protagonisti sono personaggi ben caratterizzati, con immagini molto chiare e collegate tra di loro
  • Si assiste ad uno scambio creativo tra autore (getta le basi della storia) e lettore (inventa e racconta a suo piacimento)
  • La storia può cambiare ogni volta a seconda del momento e dell’interpretazione
  • Stimolano riflessioni, scambi di idee, arricchimento vocaboli
  • Si impara ad ascoltare
  • Si entra in empatia con storie e personaggi
  • Privi di qualsiasi barriera linguistica