Le funzioni esecutive

Le funzioni esecutive con quel complesso di funzioni cognitive che l’individuo adopera, attraverso comportamenti e strategie adeguate, per giungere alla soluzione di un problema.

Esse sono: INIBIZIONE, FLESSIBILITA’ COGNITIVA,PIANIFICAZIONE, MEMORIA DI LAVORO. Vediamole insieme nel dettaglio.

 

INIBIZIONE:   capacità di non considerare le informazioni o gli stimoli irrilevanti o non necessari per la soluzione di un compito.

 

FLESSIBILITA’ COGNITIVA : capacità di adattare  il tipo di risposta in base al cambiamento di regole e situazioni

 

MEMORIA DI LAVORO: capacità di mantenere e manipolare informazioni in memoria per un tempo limitato.

 

PIANIFICAZIONE: eseguire comportamenti finalizzati a un obiettivo seguendo tappe ben ordinate e precise

 

Scarse funzioni esecutive predicono difficoltà negli apprendimenti, più o meno marcate. Si trovano spesso associate a disturbi dell’apprendimento, difficoltà di linguaggio e adhd.

La ricerca ha evidenziato che le funzioni esecutive si possono allenare e migliorare. In particolare si osservano ricadute positive nei seguenti ambiti:

-CALCOLO

-COMPRENSIONE DEL TESTO

-CAPACITà DI RAGIONAMENTO

-MIGLIORI RISULTATI IN MATERIE SCIENTIFICHE

-MIGLIORI RISULTATI IN MATERIE LETTERARIE

Risulta quindi evidente come un allenamento di queste funzioni comporti importanti ricadute sull’apprendimento e sui risultati scolastici.