Osteopata Pediatrica

La dott.ssa Giulia Mazzola, finita la formazione presso il Liceo Scientifico di Cuneo nel 2008, si avvicina al mondo della terapia manuale scoprendo l’osteopatia.

Giulia racconta così il suo percorso:

Questa materia mi ha subito affascinata e mi ha portato ad iscrivermi al corso di 5 anni full time presso l’ International College of Osteopathic Medicine (ICOM) nella sede, allora l’unica, di Cinisello Balsamo (MI).

L’approccio a questa difficile professione mi è da subito piaciuto: il corpo docenti era molto preparato e veniva in parte dall’Università Bicocca di Milano, in parte dallo staff dell’Ospedale Bassini di Sesto San Giovanni e ci ha dato un’ottima base teorica sulle materie di anatomia, patologia, fisiologia, neurologia soprattutto nei primi 2 anni di formazione. Inoltre la scuola offriva sin dal primo anno, grazie alla presenza di osteopati con molti anni di esperienza e grande professionalità, la possibilità di approcciare in maniera pratica e teorica le varie parti dell’osteopatia, analizzando nel dettaglio la sfera muscolo-scheletrica, cranio-sacrale, viscerale e fasciale.

Ma la parte che mi ha permesso maggiormente di iniziare a diventare un’osteopata è stato il tirocinio clinico iniziato il secondo anno nella clinica adulti e continuato fino al quinto anno, con l’inserimento della clinica pediatrica dal quarto anno.

E’ stato qui che ho capito l’importanza del trattamento nel neonato: mi ha colpito ed entusiasmato soprattutto l’idea che eliminando le disfunzioni provocate ad esempio da traumi da parto o gravidanze difficili, si dia all’organismo la possibilità di crescere in maniera più fluida e con meno ostacoli, prevenendo quelli che poi potrebbero trasformarsi in disturbi funzionali o patologici nell’età adulta.

Finiti gli studi presso ICOM e conseguiti gli esami clinici finali nel 2013, ho frequentato un corso di un anno presso la scuola inglese NESCOT (North East Surrey College of Technology) dove ho scritto e discusso la mia tesi sperimentale, conseguendo l’ MSc in Osteopathy.

Tornata a Cuneo ho iniziato a lavorare presso uno studio privato di Confreria prima, e di Cuneo poi, iniziando la mia collaborazione con un massofisioterapista. Da 2 anni collaboro con una logopedista, un’ostetrica e una psicologa presso un centro perinatale a Saluzzo, dove vedo neonati e bambini e li aiuto a risolvere coliche, reflussi, canali lacrimali ostruiti, otiti, plagiocefalie, piedi torti, ginocchia valghe, pianti inconsolabili e sonni disturbati. Penso che la risoluzione precoce di questi disturbi possa essere un potente strumento preventivo.

In tutti questi anni non ho abbandonato la mia università: nel 2012 ICOM ha aperto una sede a Torino ed è lì che lavoro come assistente ormai da 4 anni. Questo mi dà la possibilità di rivedere e aggiornare continuamente le mie nozioni, di rimetterle sempre in discussione alla ricerca della soluzione più efficace. Inoltre trovo molto stimolante il compito di insegnanti e assistenti, ovvero quello di aiutare la formazione di nuovi professionisti.

Da Ottobre 2017 a Giugno 2020 frequenterò un master in osteopatia pediatrica di 3 anni presso la SIOP (Scuola Italiana di Osteopatia Pediatrica) di Firenze associata all’ospedale Meyer che mi impegnerà per 6 settimane all’anno e che mi permetterà di proseguire i miei studi (perchè non si finisce mai di scoprire e imparare) e di sperimentare una pratica in osteopatia pediatrica ospedaliera.

Credo profondamente nelle collaborazioni tra diverse figure professionali al fine di avere una visione più olistica e completa del paziente, e per poter attuare un piano terapeutico adeguato a quello specifico organismo.